A DOMANI

A Domai.jpg

di Nicolò Abbattista e Christian Consalvo

Partendo da un vissuto personale, la creazione si sviluppa dallo studio del morbo di Creutzfeldt-Jakob (CJD), malattia neurodegenerativa rara. 

Lo spettacolo racconta una storia d’amore: quella che lega una madre e il proprio figlio. Lei è malata, ha poco tempo, la vita di lui è ridisegnata dal tempo immobile della malattia. 

I confini familiari sembrano richiudersi e soffocare, i luoghi e gli oggetti della quotidianità si trasformano in nuovi pericoli, figure stranianti, fantasmi di ciò che è stato. In questo nuovo spazio, lui è costretto a dare un senso all’aspetto più inaccettabile della condizione umana: dire addio a coloro che amiamo.

 

COREOGRAFIA: Nicolò Abbattista


REGIA: Christian Consalvo 


INTERPRETI: Susanna Pieri, Samuele Arisci,

Chiara Borghini,

Eleonora Mongitore, Salvatore Sciancalepore 

 

MUSICHE: Johann Strauss, Leonard Cohen,

Michael Gordon, Jarvis Cocker, Arvo Part,

NoMaD, Ilan Eshkeri